Come difendersi dallo stalking


STALKING ovvero molestie persistenti e pericolose. Un fenomeno assai diffuso nel nostro Paese e non solo, ma che in Italia ha avuto un percorso molto lungo e tormentato prima di essere riconosciuto, con Legge n. 38 del 2009, come reato all’art. 612 bis del codice penale.

Con tale legge il Parlamento ha finalmente sancito la pericolosità di questo tipo di persecuzioni che in Italia colpisce più di 2 milioni di persone, e, attenzione, non solo donne!.

A volte personaggi famosi, ma molto più frequentemente donne comuni, i cui assalitori sono per lo più ex mariti/mogli/amanti, vicini di casa, parenti, datori di lavoro o anche persone incontrate in una sola occasione. Essere seguite, pedinate, sommerse di sms e/o e-mail o regali, molestate con approcci di ogni tipo. Anche se non sempre lo stalking si accompagna a comportamenti violenti (ma in alcuni casi lo stalker può spingersi sino all’omicidio), le vittime di questo genere di persecuzioni non riescono più a lavorare, ad avere una regolare vita sociale, fino a subire una violenza psicologica, morale e talvolta anche fisica.

La legge n.38 del 2009 ha portato ad una grande conquista, in quanto prima della introduzione dell’art. 612 bis c.p., la vittima di stalking poteva essere tutelata penalmente soltanto se tali atti concretizzavano altre fattispecie criminose, quali ad es. la violenza privata, la minaccia, la violenza in luogo pubblico, o col mezzo del telefono. Mentre gli atti persecutori che configurano lo stalking consistono per lo più in comportamenti (appostamenti, corteggiamenti, e-mail) che esulano da quelli previsti.

Vediamo da vicino la norma che si occupa di tale reato:

ART. 612 bis c.p. “ATTI PERSECUTORI”:

Salvo che il fatto costituisca più grave reato, è punito con la reclusione da sei mesi a quattro anni chiunque, con condotte reiterate, minaccia o molesta taluno in modo da cagionare un perdurante stato di ansia o paura ovvero da ingenerare un fondato timore per l’incolumità propria o di un prossimo congiunto o di persona al medesimo legata da relazione affettiva ovvero da costringere lo stesso ad alterare le proprie abitudini di vita.”

“ La pena è aumentata se il fatto è commesso dal coniuge legalmente separato o divorziato o da persona che sia legata da relazione affettiva alla persona offesa.”

“La pena è aumentata fino alla metà se il fatto è commesso a danno di un minore, di una donna in stato di  gravidanza o di una persona con disabilità di cui all’art. 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, ovvero con armi o da persona travisata.


N.B.: Affinché il colpevole sia perseguitato è necessario che la vittima presenti atto di Denuncia-Querela contro lo stalker nel termine di sei mesi (n.b. aumento del termine ordinario di tre mesi) dal verificarsi dell’atto persecutorio.

Si procede tuttavia d’ufficio se il fatto è commesso nei confronti di un minore o di un soggetto diversamente abile, nonché quando il fatto è connesso con altro delitto per il quale si deve procedere d’ufficio.

Attraverso il nostro sito AGENZIA LEGALE potete fissare un primo appuntamento gratuito, oppure inviarci una mail o collegarVi tramite chat con uno dei nostri legali, al fine di ottenere una prima valutazione gratuita di “fattibilità” e sostenibilità della querela; successivamente potrete affidarci l’incarico di redigere la sola querela, od assisterVi come difensori di fiducia ed occuparci sin da inizio di tutto quanto necessario; nel 90% dei casi l’incarico e tutti gli adempimenti necessari alla presentazione della querela non necessitano della Vs. presenza fisica della parte, quindi potrete ottenere il massimo risultato senza nemmeno uscire di casa.

DOPO AVERVI RICHIESTO TUTTE LE INFORMAZIONI E DOCUMENTI NECESSARI, REDIGEREMO LA QUERELA E LA INVIEREMO VIA MAIL ENTRO 48h DALL’INCARICO, OPPURE PROCEDEREMO DIRETTAMENTE ALLA PRESENTAZIONE PRESSO GLI UFFICI COMPETENTI.

CONTATTACI ORA.


E’, invero, molto importante rivolgersi sin dall’inizio ad un avvocato di fiducia, tanto nel caso in cui si sia vittima del reato di stalking, quanto nell’ipotesi inversa, ossia nel caso in cui si sia indagati, semmai ingiustamente, per il delitto di cui all’art. 612 bis c.p.

Il legale, infatti, potra’ verificare la fondatezza dell’accusa a proprio carico, l’effettiva sussitenza di questo reato piuttosto che di un’altra ipotesi delittuosa meno grave, l’attendibilita’ della vittima che abbia denunciato gli atti persecutori e scegliere la migliore strategia difensiva possibile, magari svolgendo indagini difensive. Sara’ utile verificare, con il supporto del legale, se effettivamente il fatto di cui si e’ accusati possa rientrare nella descrizione fornita dal codice penale e se, quindi,sia qualificabile come stalking. Se manca solo un elemento, formale o sostanziale , infatti, il reato potrebbe non sussistere. Anche nel caso opposto, in cui si ritenga di esser vittima di tali atti persecutori, e’ fondamentale l’ausilio di un avvocato sin dall’inizio, il quale e’ in grado di dare un esatto inquadramento alla fattispecie, valutando la concreta possibilita’ di sporgere una querela, ma soprattutto l’opportunita’ di richiedere al giudice l’applicazione di misure cautelari nei confronti del vostro stalker (quali ad es. il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla vittima, l’allontanamento dalla casa familiare,ecc…) al fine di tutelare la vostra incolumita’ anche prima e durante tutto lo svolgimento del processo.

E’ importante, inoltre, sapere che esser vittima di stalking da diritto anche al risarcimento dei danni patrimoniali e morali patiti. Invero, l’art. 185 c.p. stabilisce che: “Ogni reato che abbia cagionato un danno patrimoniale o non patrimoniale, obbliga al risarcimento il colpevole e le persone, che a norma delle leggi civili, debbono rispondere per il fatto di lui“. E per ottenere tale risarcimento si hanno due alternative:

  • costituirsi parte civile nel processo penale
  • intentare un’autonoma azione in sede civile

Ovviamente la scelta tra queste due strade dovra’ essere valutata di volta in volta, tenendo conto degli elementi specifici del caso; anche in cio’, dunque, puo’ essere essenziale il consiglio di un legale.


APPROFONDIMENTI SUL TEMA…

L’illecito in esame è connotato dalla presenza di tre elementi costitutivi:

  1. La condotta “tipica” del reo;
  2. La reiterazione di tale condotta;
  3. L’insorgere di un particolare stato d’animo nella vittima

Per quanto riguarda la condotta “tipica” del reo, tale condotta è ascrivibile in genere nelle classiche ipotesi delittuose di minacce e molestie, peraltro già previste e autonomamente sanzionate dal Legislatore. Si configura la minaccia, nel caso in cui il reo prospetti alla vittima un male futuro, in modo tale da turbare la serenità d’animo della vittima. La molestia, invece, si ravvisa nel caso in cui venga alterato in maniera fastidiosa o importuna l’equilibrio psichico di una persona media.

Detta condotta deve essere ripetuta, seriale, nel senso che gli atti sopra descritti devono ripetersi nel tempo. Invero, la continuazione e reiterazione è elemento costitutivo della fattispecie in esame. Di conseguenza, i suddetti atti se compiuti una sola volta non integrano il delitto di cui all’art. 612 bis c.p., ma le fattispecie più “tradizionali” del tipo “minaccia” o “molestia”, magari continuate se dette condotte vengono poste in essere più di una singola volta.

Infine, tali azioni illecite devono cagionare alla vittima “un perdurante e grave stato di ansia o di paura ovvero da ingenerare un fondato timore per l’incolumità propria o di un prossimo congiunto o di persona legata al medesimo da relazione affettiva ovvero da costringere lo stesso ad alterare le proprie abitudini di vita”. La pressione psicologica legata alla coazione comportamentale dello stalker e al terrorismo psicologico effettuato, devono porre la vittima stalkizzata, definita anche stalking victim, in uno stato di allerta, di emergenza e di stress psicologico. Questi vissuti psicologici possono essere legati sia alla percezione dei comportamenti persecutori come sgraditi, intrusivi e fastidiosi, che alla preoccupazione e all’angoscia derivanti dalla paura per la propria incolumità o per quella di  un prossimo congiunto.

Sulla base di quanto esposto, l’illecito di cui all’art. 612 bis c.p. sussiste solo se ricorrono contemporaneamente tutti i succitati elementi oggettivi.

E’ molto importante sottolineare che lo stalking non è un fenomeno omogeneo; pertanto, risulta difficile far rientrare i molestatori assillanti in una categoria diagnostica precisa o identificare sempre la presenza di una vera e propria patologia mentale di riferimento. Gli stalkers non sono sempre soggetti con un disturbo mentale e, anche se esistono forme di persecuzione realizzate in un  contesto psicopatologico, questa non è una condizione sempre presente, cosi’ come non esiste sempre un abuso di sostanze associato al comportamento stalkizzante.

Ciò che è importante sapere è che dietro a comportamenti di molestia simili, possono celarsi le motivazioni più disparate. A tale conclusione si è giunti in base a recenti studi che hanno esaminato il profilo psicologico di numerosi stalkers e, sulla scorta dei quali, si è giunti ad individuare cinque tipologie di stalkers:

  • “Il risentito”. Il suo comportamento è sospinto dal desiderio di vendicarsi di un danno o di un torto che ritiene di aver subito ed è, quindi, alimentato dalla ricerca di vendetta.
  • “Il bisognoso d’affetto”. Tipologia motivata dalla ricerca di una relazione e di attenzioni che possono riguardare l’amicizia o l’amore. La vittima in genere viene considerata come una persona che si ritiene possa aiutare, attraverso la relazione desiderata a risolvere la propria mancanza d’affetto o d’amore.
  • “Il corteggiatore incompetente”. Si tratta di un comportamento derivante dalla scarsa o inesistente competenza relazionale dello stalker, che si traduce in condotte opprimenti, esplicite e, quando non riesce ad ottenere i risultati sperati, anche in condotte aggressive o villane.
  • “Il respinto”. Un molestatore che diventa tale in reazione ad un rifiuto. Si tratta in genere di un ex che mira a ristabilire la relazione o a vendicarsi per l’abbandono.
  • “Il predatore”. Molestatore che ambisce ad avere rapporti sessuali con la vittima che può essere pedinata, inseguita e spaventata. La paura, invero, eccita questo tipo di stalker che prova un senso di potere nell’organizzare l’assalto. Questo genere di stalking, può colpire anche bambini e può essere agito anche da persona con disturbi nella sfera sessuale, quali pedofili o feticisti.

Dal momento che non tutti gli stalker sono uguali, non è possibile generalizzare facilmente delle modalità comportamentali di difesa, che devono essere adattate alle circostanze e alla diverse tipologie di molestatori assillanti.

Esistono, tuttavia, alcune regole utili:

  1. Non bisogna negare il problema. Molto spesso, la vittima rifiuta di considerarsi tale, e finge anche con se stessa che non vi sia alcun problema. Bene, in questo modo essa aiuta lo stalker. Il primo passo, invece, deve essere quello di riconoscere il problema ed adottare precauzioni maggiori di chi questo problema fortunatamente non lo conosce. Occorre, pertanto, informarsi sull’argomento e comprenderne i rischi reali.
  2. Comportamenti molto efficaci al fine di scongiurare il pericolo, sono quelli prudenti in cui si esce senza seguire abitudini routinarie e prevedibili, in orari maggiormente affollati e in luoghi non isolati.
  3. Se le molestie sono telefoniche, non cambiare assolutamente numero. Anche in questo caso le frustrazioni aumenterebbero la motivazione dello stalker. E’ preferibile, pertanto, adottare una seconda linea, lasciando che la vecchia linea diventi quella su cui il molestatore può continuare a telefonare, magari mentre azzerate la suoneria e rispondete gradualmente sempre meno.
  4. Per produrre prove della molestia al vostro avvocato e/o alla polizia, non lasciarsi prendere dalla rabbia o dalla paura e, raccogliere più dati possibili sui fastidi subiti.
  5. Tenere sempre a portata di mano un cellulare per chiamare in caso di  emergenza.
  6. Se si pensa di essere in pericolo o seguiti recarsi immediatamente dalle forze dell’ordine.

Per quanto riguarda l’ elemento soggettivo di tale reato, la legge richiede il semplice dolo generico, ovvero il persecutore deve agire nella consapevolezza e volontà di porre in essere le sopra descritte condotte persecutorie, cagionando alla vittima uno degli eventi lesivi previsti dalla norma stessa. Invero, il dolo dell’agente è costituito dalla rappresentazione specifica che, a seguito della reiterazione seriale delle azioni delittuose predette, si verificherà nella vittima uno degli accadimenti dannosi considerati.

L’illecito in esame si consuma nel momento in cui, a seguito delle persecuzioni seriali, il reo cagioni alla vittima uno degli eventi dannosi descritti nell’art. 612 bis c.p.

 STALKING molestation or persistent and dangerous. A very widespread phenomenon in our country and not only that, but that Italy has had a long and troubled path before being approved by Law n. 38 of 2009, as a crime article.612 bis of the Penal Code.

With this law, Parliament has finally sanctioned the dangers of this kind of persecution in Italy, which affects more than 2 million women.

Sometimes famous people, but more often than ordinary women, whoseassailants are mostly ex-husbands, neighbors, relatives, employers or evenpeople I met on one occasion. Be followed and followed, overwhelmed with sms and / or e-mail or gifts, harassed with all sorts of approaches. Although stalking isnot always accompanied by violent behavior (but in some cases, the stalker maygo so far as to murder), the victims of this kind of persecution can no longer work,to have a regular social life, to suffer a psychological, moral and sometimesphysical.
The law n.38 of 2009 led to a great achievement, since before the introduction of art. 612 bis cp, the victim of stalking could be protected only if such criminal actsconcretizzavano other criminal activities, such as, for example. private violence, threat, violence in public places, or by means of the telephone. While thepersecution that constitute stalking consist mostly behaviors (stalking, courting,e-mail) that go beyond those provided.
Let’s look closely at the rule that deals with the offense:
ART. 612 bis č.p. “Persecution”:
“Unless the act constitutes a serious crime, is punished with imprisonment from six months to four years anyone with repeated conduct, threatening or harassingsomeone in such a way as to cause a continuing state of anxiety or fear, or to give rise to a justifiable fear for the ‘physical injury or a close relative or personbound by the same loving relationship that is to force himself to alter their habitsof life. “
“The penalty is increased if the offense is committed by a spouse legally separated or divorced or a person who is related by an emotional relationship to the victim.”
“The punishment is increased by up to half if the offense is committed against a minor, a pregnant woman or a person with disabilities in art. 3 of Law 5 February 1992, n. 104, or by a person with weapons or misrepresented. “Note: For the guilty need be persecuted for the victim-present act of ComplaintComplaint against the stalker within six months from the occurrence of the act of persecution.
“Note: For the guilty need be persecuted for the victim-present act of ComplaintComplaint against the stalker within six months from the occurrence of the act of persecution.
He proceeds, however, ex officio if the offense is committed against a minor or adisabled person, and when the fact is connected with another offense for whichyou must carry out an official.
Through our website you can set a LEGAL AGENCY first free appointment, orsend us an email or connect via chat with one of our lawyers in order to obtain an initial free assessment of “viability” and sustainability of the lawsuit, then you canentrust the task to draw the only complaint, or assist you as defenders of trust andcare since the beginning of all that is necessary, in 90% of cases the task and alltasks necessary to the presentation of the complaint does not require the physical presence of your hand, then you can get the best results without even leaving yourhome.
AFTER HAVING ALL REQUIRED DOCUMENTS AND INFORMATION REQUIRED WILL PREPARE THE COMPLAINT AND SEND VIA EMAIL WITHIN48 HOURS OF OFFICE, PROCEED DIRECTLY OR PRESENTATION AT THECOMPETENT AUTHORITIES.

E ‘, indeed, very important to contact a lawyer from the beginning of confidence, especially if it is a victim of the crime of stalking, as in the converse, ie if it isunder investigation for the crime of which Article. 612 bis č.p.
The lawyer, in fact, you may ‘verify the validity of the prosecution at his own expense, the actual subsistence of this crime rather than another less seriouscriminal cases, the reliability’ of the victim who has denounced the persecutionand choose the best possible defense strategy, perhaps investigating the defensive. Sara ‘useful test, with the support of the legal, if indeed the fact that you and’ accused could come within the description provided by the Criminal Code and if, therefore, qualifies as stalking. If there is only one element, formalor substantial, in fact, the crime could not exist. Even in the opposite case, it is considered to be the victim of such persecution, and ‘the crucial help of a lawyerfrom the outset, and which’ can give a precise framework for the present case,considering the real possibility ‘to file a lawsuit, but also the opportunity ‘to applyto the court the application of precautionary measures against your stalker (such as, for example. the prohibition approach to the places frequented by the victim,the family away from home, etc.. ..) in order to protect your safety ‘even beforeand during the whole development process.
It ‘also important to know that being a victim of stalking by law also to compensation for property and moral damage suffered. Indeed, Article. 185 č.p.states that: “Any crime that has caused damage pecuniary or other, requires the offender to pay compensation and the people, that in accordance with civil law,must be met because of him.” And to get compensation you have twoalternatives:
  • as a civil party in criminal proceedings
  • bring an independent action in civil
Obviously the choice between these two roads must ‘be assessed from time to time, taking into account the specific elements of the case, even in this’, then, can’be essential advice from a lawyer.

MORE ON THE SUBJECT …
The offense in question is characterized by the presence of three elements:
  • The conduct “typical” of the offender;
  • The recurrence of such conduct;
  • The occurrence of a particular state of mind of the victim
As regards the conduct “typical” of the offender, such behavior is generallyattributed in the classical case of criminal threats and molestation, which is already planned and sanctioned by the individual legislator. You configure the threat, if the offender to the victim reports a future evil, so as to disturb the peace of mind of the victim. The nuisance, however, this represents in the case in whichis altered in a disturbing way or importunate psychic balance of an average person.

Such conduct must be repeated, serial, in the sense that the acts described above are repeated. Indeed, the continuation and repetition is a constitutive element of the present case. Accordingly, such documents, if made ​​only once not incorporate the crime of which art. 612 bis cp, but the case more “traditional” type”threat” or “harassment”, maybe if you keep these ducts are to be carried over asingle time.

Finally, these unlawful acts must cause the victim “a persistent and severe stateof anxiety or fear, or to give rise to a well founded fear for the safety of self or a close relative or person related to the reasoned or emotional relationship to forcethe same to alter their habits of life. “The psychological pressure due to the compulsion of behavioral and psychological terrorism carried stalker, the victimmust pay stalkizzata, also called a stalking victim, in a state of alert, emergency and psychological stress. These psychological experiences can be linked both to the perception of persecutory behaviors as unwelcome, intrusive and annoying,that the worry and anxiety caused by fear for their safety or that of a close relative.
Based on the foregoing, the offense under Article. 612 bis č.p. exists only if it fulfills all the above objective elements simultaneously.
It ‘s very important to emphasize that stalking is not a homogenous phenomenon, so it is difficult to include harassing the harassers in a diagnostic category or identify more precisely the presence of a true mental illness reference. Thestalkers are not always those with a mental disorder, although there are forms of persecution carried out in a psychopathological context, this is not a condition in mind, so ‘as there is always an abuse of substances associated with the behaviorstalkizzante.
What is important to know is that behind similar behaviors of harassment, may be hiding the most diverse reasons. This conclusion was reached based on recentstudies that have examined the psychological profile of many stalkers and, on the basis of which it has come to identify five types of stalkers:

  • “The affected”. His behavior is driven by the desire to avenge an injury or a wrong that believe they have been and is, therefore, fueled by the quest for revenge.
  • “The need for affection.” Type motivated by the search for a relationship and attention that may affect the friendship or love. The victim is usually regarded as a person who you think may help, through the report you want to solve their lack of affection or love.
  • “The incompetent suitor”. This is a behavior associated with the low or norelational competence of the stalker, which results in oppressive conduct, explicit and, when unable to obtain the desired results, even in aggressive behavior orpeasant women.
  • “The rejected”. A child molester who becomes such a reaction to a rejection. This is generally a ex that aims to restore the relationship or getting revenge for the abandonment.
  • “The Predator”. Harasser is aiming to have sex with the victim that can beshadowed, chased and frightened. Fear, indeed, this type of stalker that excites a feeling of power in organizing the assault. This kind of stalking, may also affectchildren and can be done even by someone with disorders in the sexual sphere,such as pedophiles or fetishists.

Since not all stalkers are the same, you can easily generalize the behavioralmode of defense, which must be adapted to the circumstances and differenttypes of harassers harassing.

However, there are some useful rules:

  1. We must not deny the problem. Very often, the victim refuses to consider this, andeven pretend to herself that there is no problem. Well, in this way it helps the stalker. The first step, however, must be to recognize the problem and take carethis problem fortunately most of those who do not know. It should, therefore,acquainted with this subject and understand the real risks.
  2. Behavior very effective in order to avert the danger, are cautious when it comes out without following routine and predictable habits, more crowded at times and places not isolated.
  3. If the harassment is telephone number does not change completely. Also in this case the frustrations would increase the motivation of the stalker. It ‘s better,therefore, adopt a second line, leaving the old line to become one where the abuser can continue to call, and maybe reset the alarm and respond graduallyless and less.
  4. To produce evidence of the harassment to your attorney and / or the police, not to get anger or fear, and collect more data on possible inconvenience caused.
  5. Keep on hand a phone to call in an emergency.
  6. If you plan to be in danger or go immediately followed by the police.

As for the ‘subjective element of the offense, the law requires the simple general intent, or the persecutor must act in the awareness and willingness to engage inthe above-described persecutory conduct, causing the victim of a harmful eventsin the standard itself. Indeed, the intent of the agent consists of the representationthat specifies, as a result of serial recurrence of criminal acts above, will occur in the victim one of the events considered harmful.

The offense in question is consumed when, as a result of persecution serial,causes the offender to the victim of a damaging events described in Art. 612 bisč.p.

3 thoughts on “Come difendersi dallo stalking

  1. Sono vittima di stalking telefonico da parte di una ragazza con cui non ho mai avuto alcun rapporto se non come amica di un mio amico; sono mesi che ricevo 10-20 telefonate al giorno da numero privato anche di notte, e ora dopo averla portata allo scoperto e detto che non voglio più essere tormentato mi manda 15-20 sms e email al giorno, dove mi dice di tutto e di più solo perchè io l’ho rifiutata. Ho presentato già 4 denunce ai carabinieri ma questa perosna continua senza sosta, non posso cambiare il n. di cellulare perchè ci lavoro. CHE DEVO FARE???

    1. Nel caso di prosecuzione dello stalking anche dopo la presentazione di una o più querele per i singoli episodi, quando il comportamento persecutorio ha una matrice unica, è possibile utilizzare la norma ex art. 8 del Decreto Legge del 23 febbraio 2009 n. 11, che prevede l’ammonimento del Questore.
      In base a tale norma, la vittima di atti persecutori può, prima di presentare una querela per stalking, esporre i fatti all’autorità di pubblica sicurezza avanzando richiesta al Questore nei confronti delllo “stalker”, autore della condotta, affinchè sia adottato il provvedimento di “ammonimento”.
      Il Questore assume, se necessario, le informazioni dagli organi investigativi, sente le persone informate sui fatti, e nel caso in cui ritenga fondata l’istanza, ammonisce oralmente il soggetto nei confronti del quale è stato richiesto il provvedimento, invitandolo a tenere una condotta conforme alla legge.
      L’ammonimento non presuppone la prova certa del fatto, ma solo la sussistenza di “indizi” che rendano verosimile l’avvenuto compimento di atti persecutori.
      L’adozione dell’ammonimento, quindi, dipende dalla valutazione del Questore, che deve apprezzare la fondatezza dell’istanza, formandosi il ragionevole convincimento sulla plausibilità ed attendibilità delle vicende esposte, senza che sia necessario il compiuto riscontro dell’avvenuta lesione del bene giuridico tutelato dalla norma penale

  2. salve, tra ad aprile 2014 ho conosciuto 4 volontari indipendenti associazizoni animali, uno di questi e’ un uomo che sta con una di queste. una volta avuto il mio numero ha iniziato a chiamarmi per sapere dov ero cosa facevo e a volte faceva commenti pesanti. veniva anche spesso dove lavoro ma con la sua compagna. ho chiesto un consiglio ad un altra volontaria in merito alla questione, dato che ci ha lavorato per diverso tempo e a lei pareva strana la cosa, continua le chiamate.anche davanti a clienti o colleghi ed allora mi consigliano di bloccare il numero che mi chiama. lo blocco. questo un giorno si presenta al mio lavoro e ho alquanto paura. dopo tutto tace. poi l altra volontaria inizia a dire in giro che ho mentito e che questo non mi ha mai fatto nulla e che ha una registrazione della telefonata di stare attenta a cio che faccio … poi ieri sera la compagna di questo mi invia sms (bloccando il nimero credevo anche sms) dove mi ringrazia x la mia falsita e x averli infangati…. ora ho paura di quello che potrebbero fare…. un consiglio? purtroppo non mi sono segnata ne orari ne niente delle chiamate ma ricordo che ero ansiosissima quasi quanto lo son ora….grazie

Rispondi