DIVORZIO BREVE – come ottenere separarazione e divorzio immediato

Separazione-assistita-in-un-solo-Giorno

Sapevate che dal 2014 è possibile separarsi o divorziare in un solo giorno, firmando l’accordo direttamente con gli avvocati, i quali procederanno a tutti gli adempimenti di legge per il nulla osta della procura, la registrazione del provvedimento e la trascricrione all’anagrafe, senza necessità di attendere inutilmente per mesi la fissazione di una udienza in tribunale, e firmare lo stesso accordo davanti un giudice.

Tramite la procedura di negoziazione assistista [1], con un solo incontro presso lo studio degli avvocati si ottiene la separazione immediata, il divorzio breve od anche una modifica delle condizioni già precedentemente stabilite, con pieno ed assoluto valore legale dal giorno della sottoscrizione. 

L’accordo può prevedere anche le condizioni sull’affidamento dei figli, ma solo se nati nel matrimonio, per gli altri casi (convivenza, coppie di fatto, unioni civili, relazioni more uxorio) si dovrà procedere al classico ricorso in Tribunale.

Uniche due condizioni sono le seguenti:

  • che esista o si raggiunga tramite l’assistenza degli avvocati un accordo sulle condizioni (separazione consensuale o divorzio congiunto o modifica consensuale delle condizioni di affidamento7mantenimento dei figli).
  • che in presenza di figli minorenni, o figli maggiorenni non autosufficienti dal punto di vista economico, l’accordo rispetti gli interessi dei figli.

Sul rispetto di tali requisiti è previsto il rilascio di un visto/nulla osta da parte dell’ufficio della Procura della Repubblica competente, e successivamente la trascrizione al registro dello stato civile dei coniugi, direttamente dagli avvocati.

Nel caso di divorzio o sciogliemento degli effetti civili del matrimonio concordatario contratto in chiesa, sarà possibile quindi contrarre nuovo matrimonio senza dover attendere per mesi la udienza in Tribunale e la trascrizione della sentenza alla anagrafe, a volte superiori ad un anno. Occupandoci noi di tutti gli adempimenti, e non gli uffici del Tribunale, i tempi sono pressochè immediati (inferiori ad un mese).

La scelta della procedura con negoziazione assistita è quindi certamente da preferire, essendo molto più rapida ed economica, e non avendo alcuna controindicazione o minor valore dell’altra ottenuta in Tribunale.

COME FUNZIONA

Nel caso di accordo di massima già esistente tra i coniugi, questi fissano un appuntamento presso uno dei nostri studi legali, e compaiono entrambi per mettere a punto e firmare l’accordo direttamente con l’avvocato, che poi provvede a tutte le formalità [2].

L’accordo a quel punto avrà lo stesso valore di una sentenza del Giudice.

Su domanda di un solo coniuge, l’avvocato invece può convocare l’altro coniuge e invitarlo a cercare una soluzione concordata con la procedura conciliativa alternativa al contenzioso (procedura di ADR) per risolvere in via amichevole la controversia direttamente tramite l’assistenza di avvocati.

E’ possibile anche che ciascun coniuge si faccia infatti assistere da un proprio legale, anche se poi l’accordo finale deve essere formalizzato di fronte ad uno dei nostri avvocati abilitati, che provvede ad autenticare gli atti.

I coniugi devono sempre e comunque partecipare personalmente e firmare la dichiarazione, confermando che vogliono separarsi, sciogliere il matrimonio o far cessare gli effetti civili del matrimonio celebrato in chiesa, ovvero ottenerne la modifica secondo le nuove condizioni tra di essi concordate.

La separazione, il divorzio o la modifica delle condizioni, sono quindi già definiti e ufficializzati entro ventiquattr’ore dalla firma dell’accordo, che è immediatamente operativo e pienamente valido per la legge italiana.

Senza necessità di fare altro. Separazione o divorzio in giornata!

L’IMPORTANZA DELLA SCELTA DELL’AVVOCATO ESPERTO IN DIRITTO DI FAMIGLIA

mediation351135Ricordiamo in questo senso che proprio perché viene meno il passaggio di “garanzia” davanti al tribunale, è importante affidarsi ad un avvocato competente in materia di famiglia, che indirizzi coscienziosamente le parti verso condizioni corrette ed equilibrate per l’uno e per l’altro coniuge, e non trascuri aspetti dell’accordo che nell’immediato potrebbero sfuggire ad un legale con limitata esperienza di settore od essere considerati dai coniugi come elementi meno importanti, ma invece si rivelerebbero poi decisivi nel funzionamento dell’accordo, nella sua trascrizione o per una corretta gestione dei rapporti fra coniugi da lì in avanti.

È importante sottolineare che un accordo (anche non equilibrato o non completo di ogni aspetto), firmato tanto dall’avvocato quanto dal Giudice, non si può modificare senza un nuovo accordo o, in mancanza della disponibilità dell’altro coniuge, attraverso una procedura giudiziaria, ma solo se mutano le situazioni personali e/o economiche sottostanti, perché la legge ritiene che l’accordo sia a definizione dei rapporti, rebus sic stantibus, cioè cosi come stanno le cose al momento della separazione/divorzio e salvo che non intervengano modificazioni sostanziali nei redditi o nella realtà personale delle parti.

La separazione in Comune: quali sono i rischi e problemi: la possibilità dei coniugi di eseguire in autonomia la separazione o il divorzio davanti all’ufficiale di stato civile (in Comune), si espone ancora di più a questo rischio, di trovarsi “scoperti” per alcuni aspetti, magari anche commesso in buona fede dell’altro coniuge, ma che poi difficilmente rinuncerebbe ad un vantaggio ormai acquisito e formalizzato ufficialmente. Difatti l’addetto del Comune non entra nel merito degli accordi che proponete, salvo che non siano contrari alla legge, e quindi non riceverete alcun supporto di un esperto per la modulazione dello stesso in termini adeguati e che possano tutelare entrambe le parti non solo oggi ma anche nel tempo; inoltre in presenza di figli, questa opzione è inibita, in quanto l’addetto comunale non può valutare autonomamente gli interessi del minore

Il nulla osta della Procura: anche il passaggio in Procura della Repubblica dell’accordo è un controllo formale e non sostanziale del contenuto delle condizioni previste nella negoziazione assistita, e quindi, da una parte, se questa ultima non è stata eseguita correttamente si rischia di non ottenere il nulla osta, e dall’altra, se l’accordo è incompleto e non garantisce un equilibrio dei diritti di entrambe le parti, la Procura non proporrà alcuna modifica al contenuto delle condizioni, come invece farà un Avvocato esperto in materia.

Diventa allora fondamentale  avere un avvocato competente in materia di famiglia, che indirizzi bene su quelle che sono le scelte più opportune per l’uno e per l’altro coniuge, guardando più in là dall’alto della esperienza sul campo. Ed eviti così ingiustizie o lacune più o meno grandi, che nell’immediato magari possono sfuggire a un esame superficiale ma invece si rivelano poi decisive per la corretta gestione dei rapporti fra coniugi da lì in avanti.

Il titolare del nostro studio, Avvocato Massimiliano Gabrielli, si occupa personalmente dell’incontro di negoziazione assistita preparatorio all’accordo ed è il nostro miglior avvocato matrimonialista e divorzista su Roma, da oltre 15 anni è coordinatore nazionale della associazione SOS Padri separati; si occupa da decenni di diritto di famiglia, della legge sull’affidamento condiviso e segue personalmente tutte le pratiche di separazione o divorzio assistiti presso i nostri uffici di Roma o Fiumicino.

Evidenziamo, sul punto, un ulteriore vantaggio della separazione assistita presso un Avvocato abilitato oltre a poter ottenere il provvedimento in 24 ore: nessun Giudice di Tribunale dedicherà mai tanto tempo ed attenzione alla messa a punto delle condizioni della vostra separazione o divorzio come potrà fare un nostro Avvocato, che assume responsabilità professionali verso il cliente; basti pensare che solitamente i Giudici si limitano a chiedere conferma sulle condizioni del ricorso sottoscrivendo i verbali, ed il tempo medio delle udienze di omologa in Tribunale è di circa due minuti!

COSA OCCORRE

Nel caso di accordo di massima già esistente tra i coniugi, questi potranno già concordare e mettere a punto online e/o per email con il nostro legale, i termini delle condizioni di separazione assistita o divorzio assistito, e fissare un appuntamento presso uno dei nostri studi legali di Roma o Fiumicino, od in uno degli studi convenzionati con il nostro, situati in tutta Italia, per definire gli ultimi dettagli dell’accordo e firmare l’atto.

Per poter concludere la procedura con un solo appuntamento e ottenere la separazione od il divorzio in ventiquattro ore, i clienti dovranno produrre all’avvocato:

  •  CERTIFICATO DI RESIDENZA E STATO DI FAMIGLIA: si richiede all’ufficio anagrafe del Comune di residenza che lo rilascia a vista, può essere richiesto anche cumulativo (un solo certificato), e trattandosi di procedimenti in materia di famiglia è esente da bollo; occorrela certificazione di residenza + stato famiglia per ENTRAMBI I CONIUGI, quindi sia per il marito che per la moglie.
  • CERTIFICATO DI MATRIMONIO: si richiede alla anagrafe del comune dove è stato celebrato (o trascritto) il matrimonio, viene rilasciato a vista.
  • ESTRATTO PER RIASSUNTO DELL’ATTO DI MATRIMONIO: sempre richiesto alla anagrafe del Comune di celebrazione matrimonio, nelle città più grandi viene generalmente rilasciato solo a distanza di 15-20 giorni, nel frattempo rilasciano un cedolino per la richiesta della copia, che, con il certificato di matrimonio, può già esser sufficiente per formalizzare l’accordo se il certificato riporta gli estremi dell’atto di matrimonio. 
  • Ultime 3 dichiarazioni dei redditi/Cud (od atto notorio su assenza/importo redditi).
  • FOTOCOPIA DEL DOCUMENTO /CODICE FISCALE DELLE PARTI: indicare sugli stessi il recapito o domicilio effettivo della parte, numero di telefono cellulare e indirizzo email

QUANTO COSTA

Ulteriore vantaggio non trascurabile è la eliminazione dei costi vivi per contributo unificato, bolli e diritti di cancelleria, che ci consente di abbattere ulteriormente la nostra tariffa ed applicare una formula con TARIFFA A COSTO FISSO (€ 1.000,00) comprensiva di tutta la attività preparatoria ed assistenza per raggiungere l’accordo definitivo, appuntamento con le parti in studio o chat/msn, presentazione dell’accordo ed assistenza ai coniugi per la messa a punto definitiva, registrazione degli atti di separazione o divorzio presso l’ufficiale di stato civile e RILASCIO IMMEDIATO AI CONIUGI DELLA  COPIA CONFORME DELLA SEPARAZIONE O DIVORZIO definitivo.

Vi proponiamo una tabella di confronto tra i costi di una procedura normale (separazione in Tribunale) e la separazione assistita presso la nostra struttura.

SEPARAZIONI E DIVORZI ASSISTITI (unico appuntamento)

Studi legali specializzati

Siti online pseudolegali

Studio G@brielli

Onorari: Minimo € 800,00./ Massimo € 3.450,00 + diritti per ogni adempimento (es., preparazione fascicolo, corrispondenza, deposito atti, ritiro stessi, etc.) + spese vive (come sopra); NB la parcella prevede rimborso per “spese generali” 15% oltre iva al 22% cap. 4%

TOTALE TRA € 2.500,00 ed € 6.500,00

Propongono online solo gli atti: tra € 500,00 / 1.000,00; gli ulteriori adempimenti vanno svolti personalmente dai coniugi e non sono affatto semplici. NB non viene detto che nei Tribunali è prevista assistenza OBBLIGATORIA di un Avvocato.

RADDOPPIANDO i costi da sostenere. TOTALE MEDIO = € 2.000,00

Per tutta l’attività necessaria all’accordo, con rilascio immediato di copia conforme dell’accordo e adempimenti successivi per nulla osta e trascrizione anagrafe.

TOTALE € 1.000,00 TUTTO COMPRESO (+ iva e cap)

________________________________________________

 [1] decreto legge n. 132 del 12 settembre 2014 recante “Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell’arretrato in materia di processo civile“, che introduce queste novità in materia di separazione e divorzio.

[2] L’avvocato, sotto la propria responsabilità e pena sanzioni fino a 50mila euro, deve trasmettere immediatamente alla Procura l’accordo per il nulla osta e poi, una volta ottenuta il visto, all’ufficiale dello stato civile del Comune in cui il matrimonio fu iscritto o trascritto, copia autentica dell’accordo negoziato, che viene quindi trascritto entro dieci giorni nei registri pubblici della anagrafe. L’accordo di separazione o divorzio è comunque immediatamente valido ed operativo dalla firma.

Rispondi