Incendio sul traghetto CRUISE AUSONIA della Grimaldi line tra Palermo-Livorno

Vessel position & track of CRUISE AUSONIA ro/pax from Grimaldi Lines 28-10-2018-fire onboard and return to Ustica-Palermo

Ennesimo incendio a bordo di un traghetto del tipo ro-pax – lo stesso del disastro Norman Atlantic: stavolta è toccato alla Cruise Ausonia della Grimaldi Lines, salpata il 28.10.2018 dal porto di Palermo poco dopo la mezzanotte, e diretta a Livorno. Secondo una prima ricostruzione intorno alle 3,30 un incendio di dimensioni preoccupanti è divampato nel locale motori, mentre si trovava a 18 miglia da Ustica e navigava a 21 nodi, ed ha coinvolto dei collettori, lasciando la nave con un solo motore funzionante su tre; una motonave dei vigili del fuoco del comando provinciale di Palermo e una navetta della capitaneria di porto hanno raggiunto la nave in avaria, e le prime notizie su quanto vissuto dai passeggeri parlano di fumo intenso, fiamme visibili, molta paura e quindi una vera odissea per chi si trova ancora a bordo.

La nave si è infatti diretta verso il porto di Ustica, ed è rimasta in navigazione lenta a 2 nodi nel mare molto mosso e onde tra 1.4m  e 2.7m, per consentire una prima valutazione tecnica della situazione da parte della guardia costiera e, visto che le dimensioni della Cruise Ausonia non consentono un ormeggio in sicurezza nel porto di Ustica, decidere se il rientro a Palermo possa avvenire con moto proprio ovvero con l’ausilio del rimorchiatore, che è partito da qualche ora dalla Sicilia.

La Cruise Ausonia è una nave traghetto in servizio dal giugno 2018 per la compagnia marittima Grimaldi Lines, precedentemente in servizio per Superfast Ferries.

Per i passeggeri si profila quindi, oltre al rimborso del biglietto e la cd. compensazione prevista dalle convenzioni in tema di trasporto, un vero e proprio diritto al risarcimento dei danni, relativo alla drammatica esperienza vissuta e che può determinare, come abbiamo visto in altri casi analoghi, un disturbo post-traumatico a carico di chi è esposto ad una esperienza catastrofica (PTSD).

LATEST NEWS

Dalle 3,30 di notte tutti i passeggeri sono stati spostati a prua e raccontano di momenti di terrore, anche se i 262 passeggeri, tra cui 10 bambini, e 85 membri dell’equipaggio sono finalmente rientrati in serata del 28.10 al porto di Palermo; la nave è prima rimasta in rada e poi regolarmente ormeggiata. Dopo l’allarme sono state infatti attivate immediatamente le procedure di lotta all’incendio, e l’evento è stato controllato anche considerando che la sala motori è il punto più presidiato e difendibile da incendi della intera nave; in ogni caso le persone, svegliate in piena notte per fronteggiare l’emergenza, sono state colte da momenti di terrore alla vista del fumo.

COSA FARE, alcuni primi consigli in questi casi:

  1.  Stilare un elenco dei beni imbarcati (gioielli, attrezzature elettroniche, danaro, vestiti etc.) eventualmente andati persi nell’incidente.
  2. Recuperare i documenti di viaggio (voucher email, agenzia di viaggio etc.) e documentare ogni spesa sostenuta per il viaggio e per il rimpatrio.
  3. Per coloro che hanno subito lesioni conservare copia dei certificati medici e delle spese, recarsi comunque dal proprio medico per avere referto su ansie e turbamento psicologico (stress post-traumatico)
  4. Rivolgersi alla ns. agenzia legale per inviare subito e gratuitamente una prima lettera con richiesta per iscritto del risarcimento danni alla compagnia armatrice (cd. lettera di intervento legale), che interrompe ogni prescrizione (non ci sono 10 giorni come potrete sentire dire da alcuni, ma è preferibile inviare prima possibile la intimazione al risarcimento danni, onde far decorrere gli interessi legali).
  5. Nel caso di lesioni si può proporre querela entro tre mesi dal fatto (consigliabile).

Tutta la procedura avverrà ONLINE, senza necessità di recarsi fisicamente presso il ns. Ufficio tramite email e videocollegamemti web, oppure fissando un appuntamento presso i nostri uffici in tutta Italia.

GRAVITA' DEL SINISTRO MARITTIMO
INCENDIO 41%
PERICOLO PER I PASSEGGERI
PTSD 27%

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.